STYLE

16 Gennaio 2023

Articolo di

string(9) "Redazione"
Redazione

La Gen Z salverà il mercato del lusso

STYLE

16 Gennaio 2023

Articolo di

Redazione
Balenciaga Gen Z Luxury

La Gen Z salverà il mercato del lusso

Per poter fare una proiezione a lungo termine, bisogna basarsi sull’andamento attuale, espandere il focus alle politiche di marketing e sviluppo inbound e outbound, e immaginare una risposta del mercato di riferimento. Cosa accadrà al mondo del luxury? E soprattutto, perché questo dipenderà specificamente dalla Gen Z?

Andiamo per gradi. Sicuramente una recessione economica è alle porte, e non siamo noi a dirlo, ma economisti e professionisti di settore. A quanto pare, però, il settore luxury non subirà questo balzo all’indietro. Le previsioni si sono mostrate corrette: il mercato globale del lusso ha registrato, nel 2022, una crescita di 21 punti percentuale rispetto all’anno precedente.

Per l’anno appena iniziato, è prevista un’ulteriore crescita, compresa tra il 3% e l’8%, nonostante le incertezze sullo scenario economico e politico mondiale. Addirittura, uno studio di Bain&Company prevede una crescita, al 2030, del 60% in più rispetto al 2022. La domanda, a questo punto, sorge spontanea: ma se abbiamo appena affermato la presenza di una recessione, iniziata o imminente, com’è possibile prevedere tutto ciò?

Osservare le abitudini di acquisto delle nuove generazioni può essere un ottimo indicatore di sviluppo futuro, e parliamo delle Generazioni Y e Z che già nel 2022 sono stati i principali fautori di questa crescita. In proiezione, dunque, la spesa è destinata a crescere al cubo, rispetto alle generazioni precedenti. Questo trend è guidato da un approccio precoce ai beni di lusso, soprattutto quelli personali, che avverrebbe attorno ai 15 anni d’età, con una media dai 3 ai 5 anni in anticipo rispetto alle generazioni precedenti.

L’attenzione verso il mondo luxury è guidata anche da un fine ecologico, nessuno come le nuove generazioni percepisce l’urgenza di cambiare le proprie abitudini d’acquisto, andando ad attingere da scenari vintage e second-hand, dove spesso si trovano capi di grandi maison a prezzi davvero competitivi. Questa attenzione all’ambiente, lontana dal mero green-washing operato da note catene di fast fashion, fa sì che vi sia una preferenza d’acquisto di pochi capi ma mirati, quindi anche a un budget maggiore, piuttosto che sperperare soldi in abiti usa-e-getta, inconciliabili con il proprio stile di vita.

E ancora, il mercato del luxury è capace di andare incontro a varie esigenze e personalismi di sorta. La maggior parte dei brand del segmento in questione, per non avere la presunzione di dire “tutti”, presentano sia linee che abbracciano la “logomania”, con pattern all-over, talvolta anche invasivi dello stesso capo d’abbigliamento o accessorio, sia linee minimalistiche dove il brand si riconosce a stento. Questa nuova apertura alle esigenze dei compratori, ben oltre le mere logiche di marketing e posizionamento, fa sì che sempre più persone possano rispecchiarsi negli stilemi di una casa di moda, abbracciandone virtù e valori.

advertising

advertising

most read

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

related

most read

condividi su

Link copiato
negli appunti!

Iscriviti alla newsletter

Privacy(Obbligatorio)