SOUND

5 Febbraio 2020

Articolo di

string(9) "Redazione"
Redazione

Scopriamo F4, la nuova promessa Made in Calabria

SOUND

5 Febbraio 2020

Articolo di

Redazione

Scopriamo F4, la nuova promessa Made in Calabria

Ormai da qualche mese noi di SOLDOUTSERVICE abbiamo deciso di lanciare un progetto che, a nostro parere, potrebbe rivelarsi davvero molto interessante soprattutto nel lungo termine. Stiamo parlando della sezione “Scouting”, un’iniziativa che si propone di offrire una vetrina nazionale ai nostri giovani più talentuosi, qualsiasi sia il loro campo d’azione.
Riteniamo sia fondamentale offrire il giusto spazio a tutti coloro che lottano per le proprie passioni, e cercano di far valere il proprio talento in un mercato (soprattutto quello discografico) molto saturo e non sempre accogliente nei confronti delle nuove promesse.
 
Proprio per questo motivo, vogliamo dedicare l’articolo a un giovane artista meridionale, appassionato al mondo della musica sin da ragazzino, che oggi ha intrapreso una promettentissima carriera nel mondo dell’hip hop: stiamo parlando di F4. Origini calabresi, un sound innovativo, e tante storie da raccontare.
A partire da ieri è disponibile su YouTube il suo nuovo videoclip, che racchiude due diverse tracce: “Shooters” e “Loki”.

  

Abbiamo quindi deciso di scambiare quattro chiacchiere con lui, cercando di approfondire al meglio il suo rapporto con la musica, e ovviamente con la moda.
 

Ciao Pietro!
Al giorno d’oggi un po’ tutti gli artisti emergenti intraprendono percorsi fini a se stessi, che spesso garantiscono loro notorietà, seppur temporanea. Questo tipo di episodi sono spesso determinati dall’incapacità di creare un prodotto davvero originale, che riesca ad allontanarsi dal conformismo discografico sempre più diffuso al giorno d’oggi, e che quindi possa emergere tra la concorrenza. L’idea di unire in un solo videoclip due tracce diverse non si vede spesso, soprattutto quando quest’ultime presentano alcune differenze evidenti dal punto di vista stilistico. Vuoi parlarci di questa scelta?


Ciao a tutti ragazzi e grazie per questa opportunità!
L’idea che abbiamo pensato potesse veramente contraddistinguere questo progetto è stata quella di mettere a confronto due punti di vista diversi della stessa realtà. Il nostro primo obiettivo infatti è quello di portare nella scena musicale qualcosa che risulti non conforme agli altri progetti e allo stesso tempo cercare di attirare l’attenzione anche a livello stilistico.
“Shooter” e “Loki” viaggiano su diverse corsie e presentano quindi una funzione d’ascolto diversa, ma le sonorità di base sono molto simili.
Abbiamo deciso di accostare le due tracce in primis per mettere in luce tutte le particolarità della nostra zona, oltre ovviamente al desiderio di far emergere, anche se in parte, le potenzialità del nostro progetto.

 

Nell’ultimo periodo il binomio arista/beatmaker ha giocato senza ombra di dubbio un ruolo fondamentale per l’incredibile crescita del genere rap registrata nel nostro Paese. Da come ne parli, e dalla grande sicurezza con cui stai sulla base, si direbbe che il rapporto con MT, il tuo producer, sia davvero affiatato. Cosa significa lavorare “in coppia” con un amico?



Beh si, diciamo che al giorno d’oggi è davvero semplice scovare sul web un nuovo artista che proponga un genere innovativo rispetto al trend del momento, e proprio per questo ritengo che avere affianco un ottimo producer sia fondamentale.
A mio parere nell’universo discografico il beatmaker riveste un ruolo importantissimo, al pari di colui che scrive il testo: in alcune circostanze un suono specifico o una melodia particolare possono svoltare un progetto.
Per me lavorare con Antonio, oltre che condividere una passione con un amico fraterno, significa arricchire il mio bagaglio musicale per avere sempre maggiori spunti artistici, siccome a maggior ragione lo ritengo uno degli artisti più promettenti nel suo campo.
 

Un’ultima domanda. Come noi tutti sappiamo, il fenomeno rap e il fashion system presentano moltissimi punti di contatto, che li rendono quasi sovrapponibili. Te la senti di svelarci qualcosa in più riguardo il tuo rapporto con la moda, e magari consigliare ai nostri lettori un capo o una sneaker che non potrebbe mai mancare all’interno del tuo armadio?



In effetti possiamo notare davvero molti punti di contatto. Io credo che adesso l’ascoltatore medio abbia bisogno di essere coinvolto al 100% nel progetto.
Il movimento streetwear sta diventando sempre di più una costante nella nostra quotidianità, e per noi è opportuno creare un progetto che sia valido soprattutto dal punto di vista musicale ma anche a livello stilistico.
Un capo che non dovrebbe mai mancare all’interno del mio armadio è un chiodo nero di pelle.
Per quanto riguarda il mio rapporto con la moda, sono sempre stato affascinato sin da ragazzino da questo universo, anche se fino ad oggi non ho mai avuto la possibilità di vestirmi pienamente secondo il mio gusto. Mi piace molto abbinare i capi nelle tinte del nero, ma anche quelli più colorati, sono attratto solamente da ciò che mi interessa per davvero, qualsiasi sia la marca: vestirsi tutti uguali solo perché va di moda non porta a nulla, consiglio quindi a tutti di essere loro stessi.


Ringraziamo F4 per essersi confidato con noi e vi invitiamo ad ascoltare il suo nuovo pezzo, presto disponibile anche su Spotify.

advertising

advertising

most read

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

soldoutservice

related

most read

condividi su

Link copiato
negli appunti!

Iscriviti alla newsletter

Privacy(Obbligatorio)